Clamoroso Napoli: Perquisizioni per Moggi e Mazzoni

Processo Giraudo

alessandro moggiC’è chi giurerebbe che stia per scoppiare un altro scandalo nel mondo del calcio. I pallonari più accaniti probabilmente non si sconvolgeranno più di tanto. Negli ultimi anni se ne sono viste davvero delle belle. Eppure un’altra notizia rischia di sconvolgere il mondo del pallone, o almeno una sua parte.

L’inchiesta è quella che condusse nell’ottobre dello scorso anno le Fiamme Gialle a perquisire il Centro Tecnico di Castel Volturno. Già allora si rischiò un gran polverone, con tutte le parti coinvolte impegnate in lestissime smentite di rito. Quell’inchiesta però non si è mai arrestata. È andata avanti ed oggi sembra dare i suoi primi frutti.

Il percorso dell’inchiesta sembra ormai sempre più chiaro. Si indaga per frode fiscale. Il dubbio è che dietro molte operazioni, spesso incomprensibili ai tifosi, si celi il tentativo di sottrarre alla tassazione cifre che in realtà sarebbero sottoposte al sistema fiscale italiano.

L’inchiesta partì da un’approfondita analisi circa l’acquisto di Cristian Chàvez che approdò al Napoli nel 2011 dopo qualche apparizione nel Godoy Cruz e nell’Atlético Tucumàn. Per i tifosi partenopei quell’operazione fu un vero e proprio mistero, ed oggi sembra che la Guardia di Finanza, coordinata dalla Procura di Napoli, voglia far chiarezza.

Partendo proprio da quell’operazione, però, sono finiti sotto la lente d’ingrandimento numerosi trasferimenti, numerose operazioni e molte società, il cui scopo ultimo pare sia stato quello di sottrarre al fisco italiano ingenti somme. Nel mirino anche personaggi illustri del calcio italico. Sono infatti stati oggetto di perquisizioni Alessandro Moggi (noto procuratore sportivo, già coinvolto in tristi vicende del passato) e Alejandro Mazzoni, procuratore, tra gli altri di Lavezzi.