La smentita a qualche tesi un po’ fantasiosa arriva direttamente dal dottor Giandomenico Logroscino. A riferirlo è Il Mattino che riporta le dichiarazioni del medico sulle presunte ferite da arma da taglio riportate da De Santis. “Non c’erano ferite di arma da taglio, se ci fossero state sarebbero state refertate e quel paziente sarebbe stato subito operato”. Queste le dichiarazioni che, ai fini delle indagini sulla morte di Ciro Esposito valgono davvero tantissimo.

Le ultime indiscrezioni riferivano del tentativo di De Santis di difendersi da una barbara aggressione. In pratica le ricostruzioni raccontavano che i colpi di pistola, fatali per Ciro Esposito, sarebbero stati esplosi dal tifoso giallorosso soltanto per difendersi in seguito all’accoltellamento. In realtà, stando a quanto riferito dal dottor Logroscigno, di ferite da accoltellamente non c’era traccia alcuna.

Leggi anche: