Ciro Esposito, il comunicato della famiglia

Sono ore di angoscia al policlinico Gemelli di Roma per le sorti di Ciro Esposito. Il giovane tifoso napoletanto, ferito durante gli scontri prima della finale di Coppa Italia Napoli-Fiorentina, è  in uno stato di coma irreversibile. Il cuore del ragazzo batte ancora ma è mantenuto in vita dai macchinari, per i medici è clinicamente morto. Purtroppo questa notte le condizioni del ragazzo si sono aggravate per un’infezione polmonare e oggi pomeriggio gli organi di informazione hanno dato la notizia della sua morte.

La famiglia di Ciro ha voluto fare chiarezza attraverso un comunicato: “Siamo molto infastiditi dalle false notizie sulla morte di Ciro. Il suo cuore batte ancora anche se è in coma profondo, quindi, chi può pregare preghi per la sua salute. Non sappiamo cosa accadrà nelle prossime ore, ma ci sentiamo di fare un appello ad evitare ogni forma di violenza nel nome e nel rispetto di Ciro Esposito“. 

Leggi anche –>Zio di Ciro Esposito: “Il suo cuore batte ancora ma ci vuole il miracolo”

Leggi anche –> Ciro Esposito in fin di vita: la Questura teme disordini

Leggi anche – > Avv. Pisani: “Ciro è clinicamente morto”

Zio di Ciro Esposito: “Il suo cuore batte ancora ma ci vuole il miracolo”

Ciro Esposito, Ultrà Napoli: “Nessun raid, non andiamo a Roma”