Cessioni Napoli Gennaio 2017: su Giaccherini Fiorentina e Roma?

Risulta essere incerto il futuro di Emanuele Giaccherini. Trascorsi quasi sei mesi dal suo arrivo al Napoli, il giocatore potrebbe figurare tra le cessioni di gennaio 2017. La destinazione? Fiorentina o Roma. Una possibilità questa che il suo agente Furio Valcareggi non si è sentito di escludere sebbene non ci sia stata ancora nessuna telefonata: “Il mercato si sta evolvendo, ma – ha specificato Valcareggi ai microfoni di Radio Crcnon siamo stati chiamati da nessuno. Nel calcio escludere qualcosa è follia”.

Ciò che è certo è che Emanuele Giaccherini non pensa alla cessione, tuttavia qualora dovesse giungere una proposta interessante, da parte di Fiorentina, Roma o di qualche altro club, il giocatore farebbe le sue considerazioni, consigliato dal proprio agente. In particolare, secondo le ultime indiscrezioni di mercato, i giallorossi pare siano intenzionati a fare sul serio, ma l’ex Sunderland si è ambientato perfettamente a Napoli. Squadra, città, tifosi lo soddisfano appieno, l’unico neo riguarda il suo scarso impiego in campo.

Poche le presenze, solamente 10 da inizio stagione tra campionato e Champions League, e pochi anche i minuti di gioco, situazione che a lungo andare potrebbe risultare controproducente e portare quindi a una eventuale cessione: “Giaccherini sta molto bene a Napoli, questo è certo. Con la ristrettezza di turnover di Sarri, le 10 presenze sono un trionfo. Speriamo – ha proseguito l’agente – che stasera giochi, se dovesse essere impiegato sarà molto più contento. A Napoli siamo felici: la città è bellissima, il pubblico meraviglioso ed è retorico dire che ci piacerebbe giocasse di più”.

sarri-giaccherini-napoli-2016-2017

Le qualità di Giaccherini gli permettono di giocare sia a centrocampo, suo habitat naturale vista l’elevata resistenza, sia come esterno d’attacco con risultati più che positivi. Una duttilità che Sarri potrebbe sfruttare maggiormente e che l’agente Furio Valcareggi sottolinea nel corso del suo intervento a Radio Crc: “La sua storia dice che fa bene anche l’esterno alto, ma un giocatore che riesce a percorrere 13 chilometri vuol dire che corre tanto e generalmente chi corre tanto gioca a centrocampo”.

Fidanzati Picchiati fuori la Curva B dopo Napoli-Sampdoria

Napoli-Spezia: Formazioni Ufficiali (Coppa Italia)