Calciomercato Napoli, la strategia per il mercato di gennaio

Pochi interventi, qualche cessione, ma la strategia è chiara. Il Napoli inizia ad imbastire la propria strategia per il mercato di gennaio che sarà, però, orientato a coprire qualche buco e a porre le basi per qualche futura rivoluzione. Niente colpi stratosferici insomma, quelli normalmente riguardano il mercato estivo non certo la sessione di gennaio.

Gli azzurri dovranno necessariamente intervenire nel reparto arretrato. I contratti in scadenza, la certa convocazione di Ghoulam per la Coppa d’Africa e gli infortuni di Zuniga impongono delle scelte per quanto riguarda le corsie laterali. È lì che il Napoli dovrà intervenire con solerzia e rapidità anche perché, dalla prossima stagione, se non fossero rinnovati i contratti in scadenza, gli azzurri patirebbero una vera e propria emergenza. Come se non bastasse Zuniga non è più un intoccabile: i continui acciacchi e l’oneroso ingaggio obbligano il Napoli a guardarsi intorno.

Per quanto riguarda le corsie esterne l’attenzione si concentra sul mercato olandese, sponda Ajax. Piace tantissimo il giovane Van Rhijn che non è però il primo obiettivo di Rafa Benitez. Osservati speciali sarebbero infatti anche Arbeloa dal Real Madrid e Matteo Darmian dal Torino. L’esterno dei blancos piace al tecnico spagnolo ma De Laurentiis preferirebbe puntare sulla giovane età dell’esterno italiano. Per Darmian, però, c’è da battere la concorrenza agguerrita di molto club italiani.

Sul fronte cessioni, occhio alla posizione di Radosevic e Zapata. Il centrocampista croato dovrebbe partire in prestito: il Napoli vorrebbe provare a garantirgli presenze in campionato, magari in Serie B. Per quanto riguarda Duvan Zapata è forte l’interesse del Torino (già dalla passata sessione di calciomercato) ma a quel punto gli azzurri sarebbero obbligati a trovare delle valide alternative (cosa di per sé complicata durante il mercato di gennaio).

Leggi anche: