Calciomercato Napoli, Benitez: “Penso alla squadra, non al futuro”

Nonostante le ultime indiscrezioni che parlano di un Napoli in netto calo nel momento più decisivo della stagione, in casa Napoli l’umore è sereno e si pensa già al big match dell’Olimpico contro la Roma alla ripresa del campionato.  A parlare del momento degli azzurri è il tecnico spagnolo Rafa Benitez. Ancora incerto il suo futuro, ma sicuramente sono chiare le idee del tecnico su questo Napoli che ad aprile verrà sottoposto ad un vero e proprio tour de force: “Ad aprile ci aspettano otto partite cruciali, sperando di poterne giocare altre nove a maggio. Siamo in tre competizioni con la possibilità di raggiungere grandi traguardi per questo penso solo alla squadra e non parlo del mio futuro“.

Ancora in gioco su molti fronti, in primis la caccia alla qualificazione diretta in Champions, ma anche i quarti di Europa League e la Coppa italia. Il Napoli, nonostante alcuni periodi altalenanti, ha dimostrato di essere una squadra in salute in diversi momenti della stagione, come la vittoria in Supercoppa dimostra, e questo Benitez lo sa bene: “Abbiamo già vinto una Supercoppa Italiana e siamo in semifinale di Coppa Italia e siamo ai quarti di Europa League, un traguardo che questo club non raggiungeva da 26 anni, dai tempi di Maradona“. Di certo il sorteggio di europa League non ha sorriso agli azzurri, ma Benitez predica sicurezza e concentrazione: “Il Wolfsburg è riuscito a fare quattro gol al Bayern Monaco, è un avversario di ottima qualità e sarà dura accedere alla semifinale. Siamo giunti a un momento importante e devo rimanere concentrato“.

A chi paragonare questo Napoli? Benitez ha la risposta: “Paragono il Napoli al mio Valencia o all’Atletico Madrid“. Un paragone esaltante, visti l’ottimo momento delle due squadre spagnole. Può essere di buon auspicio per il prosieguo. Futuro è anche la parola chiave che muove gli animi dei giocatori e dei tifosi, ancora primi della decisione del tecnico per la prossima stagione, anche se le ultime voci parlano di un futuro in Inghilterra: “Le voci di un ritorno in Inghilterra? Penso solo al Napoli“.

Infine l’attenzione è puntata sul curioso episodio che ha visto il tecnico protagonista della sua prima espulsione in carriera: “Ho collezionato 670 partite e non ero stato mai ammonito. Ho molto rispetto per gli arbitri, pensavo che avesse fischiato la fine per questo sono entrato in campo dirigendomi verso gli spogliatoi. Calvarese però aveva fischiato solo un fallo, me ne sono accorto e sono uscito chiedendo scusa, ma il quarto uomo deve avere segnalato l’ingresso in campo così l’arbitro mi ha espulso. Credo che sia assoltutamente sproporzionata la sanzione. La cosa peggiore è che si è trattato di uno sfortunato incidente che si va a sommare a molti altri episodi simili successi durante una partita curiosa, certamente molto triste“.

Leggi anche:

Scritto da Maurizio Saladino

Maurizio Saladino nasce a Lamezia Terme il 23/10/1990. Dopo la laurea triennale in Scienze della Comunicazione, consegue un Master in Editoria presso l'Università della Calabria. Attualmente è iscritto al secondo anno della laurea specialistica in Comunicazione Informazione Editoria presso l'Università degli studi di Bergamo.

Audio Ciro Esposito alla criminologa: “Più di uno mi ha aggredito”

SSC Napoli, Andujar: “La Champions dipende da noi”