Calciomercato Napoli: Arriva Ogbonna per la Difesa?

Ogbonna Difensore

È sempre stato un chiodo fisso del patron azzurro. L’ha sempre seguito e ha sempre dovuto abbandonare la possibilità di fargli vestire la maglia azzurra per le pretese a dir poco esose del Presidente Cairo. Se da un lato è vero che con il tempo il costo del cartellino è pure lievitato, dall’altro oggi il Napoli può offrire contropartite assai gradite alla dirigenza granata.

walter mazzarri allenatore napoliL’obiettivo per il reparto arretrato è ancora il talentuoso difensore Angelo Ogbonna, in forza al Torino ed ambìto da molte società italiane (e non solo).

Classe ’88, 189 cm, il venticinquenne difensore di Cassino è il principale indiziato a vestire la casacca azzurra per i prossimi anni, affiancando Cannavaro e, se ci sarà il via libero definitivo, Diakitè.

Ma si sa, quando si parla di Calcio Napoli, le operazioni di mercato non sono mai semplici. Il Torino chiede 20 mln per il cartellino, complici anche l’ottima annata e le presenze in nazionale del potente difensore granata.

Su queste cifre difficilmente De Laurentiis sarebbe disposto ad intavolare una trattativa, anche perché in perfetta strategia Napoli, 20 milioni per un difensore sono decisamente troppi. Il DS Bigon potrebbe però dar vita ad un vero e proprio capolavoro di mercato. Uno di quei colpi che regalano emozioni all’ambiente (e che ti rinforzano decisamente l’autostima).

Dall’operazione, infatti, il DS azzurro potrebbe ottenere ben due vantaggiosissimi risultati. Da un lato riuscirebbe a portare a Napoli quel difensore potente, veloce e di prospettiva (pur con tanti minuti nelle gambe) che tanto sogna Mazzarri. Dall’altro potrebbe essere l’occasione per sfoltire un tantino la rosa.

È, infatti, cosa ben nota la corte spietata dei granata, e del DS Petrachi, ad Emanuele Calaiò che sarebbe, quindi, contropartita assai gradita. Ma nell’operazione potrebbero rientrare anche altre pedine. A questo punto la palla passa a Bigon che dovrà sbrogliare l’intricatissima matassa prima che la concorrenza si faccia avanti.