Bufera Genoa, Preziosi Se Ne Va: Società in Vendita

Gemellaggio Genoa Napoli

“Voglio vendere la società”. Enrico Preziosi è pronto ad abdicare. La sconfitta nel derby con i cugini della Sampdoria è troppo dura da digerire, anche per uno spigoloso e temprato come lui.

L’imprenditore dei giocattoli non ha gradito né l’andamento della squadra, né la contestazione della tifoseria, andata in scena per la verità ancor prima del calcio d’inizio,  con gli striscioni polemici nei suoi confronti esposti della curva rossoblù.

Poi, l’amarezza per il bruciante ko con i rivali di sempre, ha fatto il resto, portando il giorno dopo il vulcanico patron di origini irpine a manifestare la volontà di lasciare. L’ha già fatto in passato, è l’ennesimo bluff? Un modo per strigliare la piazza?

“Non abbandono di certo la nave che affonda – ha affermato il padre di Giochi Preziosi -, d’altronde i tifosi hanno ragione a contestare. E’ loro pieno diritto. Quest’anno, come il sottoscritto, s’aspettavano qualcosa di diverso, risultati ben differenti. Invece si ritrovano all’ultimo posto in classifica. Personalmente – ha continuato Enrico Preziosi all’uscita della sede della Lega di Serie A a Roma -, voglio assolutamente tirare fuori il Genoa da questa difficile ed antipatica situazione. Poi, a fine stagione, se ci sarà qualcuno disposto ad acquisire la società, valuteremo tutte le offerte che arriveranno. Se non si farà avanti nessuno – conclude il presidente genoano – continuerò questa mia avventura. Non lascio la mia creatura, figuriamoci in un momento di grande difficoltà come questo”.