Biglietti gratis al San Paolo? Il Fatto Quotidiano pubblica l’inchiesta

Il Napoli si vede anche e soprattutto gratis. Questa volta però a finire nella bufera non sono coloro che cercano di entrare in coppia attraverso i tornelli con la compiacenza degli steward, ma “…magistrati, autorità, Prefettura, rappresentanti istituzionali, politici, deputati, senatori, ex onorevoli, ex ministri, eurodeputati, ex di ex, professionisti dell’anticamorra, portaborse, porta ombrelli, appartenenti alle forze dell’ordine, amici degli amici”, così inizia la sua inchiesta Il Fatto Quotidiano che mette a nudo tutti coloro che ogni partita in casa del Napoli affollano la Tribuna Vip e non solo.

La curiosità che viene smascherata dal quotidiano è che “…nella maggior parte dei casi – si legge – non è direttamente la società del Napoli che elargisce il biglietto ma il mediatore ovvero un assessore amico, un politico in rapporti con la società, un manager azzurro conosciuto per un’intervista che intercede”. Se De Laurentiis voleva stanare la moda del biglietto gratis davvero non c’è riuscito.

Infatti la famosa casta continua a entrare gratis nell’arena di Fuorigrotta alla faccia di coloro che fanno sacrifici enormi per seguire da vicino la squadra del cuore. Nel frattempo “…la Procura di Napoli – rivela il Fatto Quotidiano – indagando su Pina Tommasielli, ex assessore comunale allo Sport ha rilevato e ricostruito un sistema che se non ha rilevanza penale sicuramente fa emergere uno spaccato inquietante, una prassi, un cattivo costume made in Naples”.

Leggi anche — > Napoli-Roma 1-0, De Laurentiis su Twitter: “Ne ero sicuro”