Audio Ciro Esposito alla criminologa: “Più di uno mi ha aggredito”

A quasi un anno dall’aggressione subita da Ciro Esposito con sparatoria che lo ha ferito a morte da parte di Daniele De Santis spunta ora una registrazione audio del tifoso azzurro che conferma tutto. Ciro, intubato in un letto d’ospedale nella Capitale, viene sottoposto ad alcune domande su cosa è successo prima di quel maledetto Fiorentina-Napoli finale di Coppa Italia e lui risponde che gli aggressori a Tor di Quinto: “Erano più di uno ed avevano i caschi”. Incalzato dalle domande della criminologa Ciro poi aggiunge: “Mi trovo qui perché mi hanno sparato”.

Ricorda tutto il giovane tifoso azzurro poi spirato a luglio al Policlinico Gemelli di Roma nel reparto di Terapia Intensiva: “Stavo andando a vedere la partita, il biglietto lo avevo comprato dove abito io, a Napoli”. Alla domanda sul motivo per cui il suo aggressore avrebbe sparato la risposta secca: “Era fuori di testa”. Ma Ciro ricorda di più: “Stava in piedi e poi a terra e parlava con accento romano”.

L’AUDIO INTEGRALE DELLA DEPOSIZIONE DI CIRO ESPOSITO

Leggi anche:

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Calciomercato Napoli, Di Marzio: “Benitez sempre più lontano”

Calciomercato Napoli, Benitez: “Penso alla squadra, non al futuro”