Agibilità stadio San Paolo: il Comune dà l’ok

Dopo alcuni lavori di ristrutturazione e manutenzione costati circa 1,5 milioni di euro, il Comune di Napoli, attraverso il responsabile dei Servizi Tecnici Alessandro Formisano, ha concesso il permesso alla SSC Napoli per utilizzare l’impianto del San Paolo per le gare interne della Serie A e della prossima Champions League.

Siamo soddisfatti che si sia giunti alla conclusione positiva di questo lavoro che permetterà al Napoli di giocare al San Paolo il campionato la Champions League”: queste le parole con le quali Formisano ha comunicato alla stampa il rilascio dell’autorizzazione, che avviene proprio nel giorno in cui De Laurentiis ha ripetuto l’intenzione di voler acquistare lo stadio nonostante le reticenze degli organismi comunali a cedere l’impianto.

De Magistris De Laurentiis

E’ ormai risaputo che ADL punti sulla privatizzazione dello stadio come ulteriore strumento di crescita del prodotto Napoli Calcio, per esportare sempre di più nel mondo tale marchio, in un’ottica imprenditoriale ancora poco praticata nel nostro paese. Le pressioni sulla giunta comunale fino ad ora hanno prodotto ben poco e nemmeno la minaccia di voler portare la squadra a Palermo per le gare europee ha permesso a De Laurentiis di abbattere le ultime resistenze dell’amministrazione di De Magistris.